Seminare Il Prato: Come Ottenere Un Tappeto Erboso

16 marzo 2012 - COME FARE, GIARDINAGGIO

Seminare il Prato:  Come ottenere un bel tappeto erboso

seminare il prato

Leroy Merlin, nota catena di bricolage e Fai Da Te in questi giorni sta proponendo ai suoi clienti tutta una gamma di prodotti per la casa e per il giardino e sul suo catalogo ‘Quando il Verde e’ di casa’ offre anche una serie di servizi gratuiti con consigli e suggerimenti molto utili per tutti gli amanti del fai da te che intendono preparare il proprio angolo verde di giardino per la primavera.

Come seminare il prato e’ un lavoro che richiede una certa conoscenza, almeno di base, della botanica per evitare di fare lavori inutili e dispendiosi.

Ovviamente l’approccio per chi volesse accingersi a impiantare un prato deve essere rapportato

  • al tipo di terreno,
  • al tipo di prato e
  • all’uso a cui sara’ destinato.

Dobbiamo ovviamente anche distinguere due macrocasi:

  1. prato nuovo da impiantare
  2. prato esistente da manutenere.

tappeto erboso

IMPIANTARE UN PRATO NUOVO

Dopo aver accuratamente deciso dove dovranno essere piantati gli eventuali alberi, dove andranno posizionate le aiuole e dove dovra’ essere tracciato il sentiero o il camminamento o la stradina carrabile, si dovra’ riportare sul terreno quanto tracciato sulla carta.

Per evitare di danneggiare il prato appena messo, la piantumazione dovrebbe essere effettuata per prima seguita dalla stesura dell’impianto di irrigazione. Allo stesso modo se si intende montare un gazebo o una fontana o altri elementi del giardino che comportino scavi, e’ sicuramente preferibile farlo prima di procedere all’impianto del prato.

Se il terreno dove intendiamo impiantare il nostro prato e’ quello circostante una casa o un edificio di nuova costruzione eo che ha subito una ristrutturazione, sara’ bene controllare la qualita’ del terreno, provvedere a zapparlo adeguatamente eliminando eventuali detriti, sassi, erbacce e, se necessario, arricchirlo con un apporto di terriccio organico che andra’ unito e amalgamato in modo il piu’ possibile omogeneo cosi’ come andra’ controllato e misurato il ph (che dovrebbe essere intorno a 6-7) aggiungendo, se del caso, specifici prodotti atti ad innalzarlo. Va comunque detto che un certo arricchimento del terreno e’ in genere consigliabile e male non fa.

A questo punto occorre livellare bene tutto il terreno con un rullo, poi con una leggera passata col rastrello e quindi procedere alla semina.

SEMINA DEL PRATO

Quando seminare, cosa e come seminare

1-quando seminare nel prato: i periodi piu’ indicati per la semina del prato sono sicuramente la Primavera e l’Autunno per le miti condizioni climatiche ne’ troppo fredde ne’ troppo calde che favoriscono le fasi iniziali della crescita ed in particolare la germinazione del seme. Va tuttavia detto che si puo’ seminare in qualsiasi stagione, a condizione che si evitino i periodi con termperature estreme.

2-cosa seminare nel prato: in relazione all’utilizzo a cui e’ destinato il nostro prato, si potra’ scegliere tra miscugli o sementi per prati all’inglese a seconda delle preferenze.

3-riguardo a come seminare nel prato, bisogna dire che i modi sono sostanzialmente due

  • con la seminatrice
  • manualmente.

Inutile dire che con la seminatrice si otterranno migliori risultati, a condizione che non si sia cercato di risparmiare troppo nell’acquisto. Se invece si opta per la semina manuale, sara’ opportuno mischiare, come facevano i contadini di una volta, i semi a sabbia nella misura di 50/50 in modo da ottenere una migliore omogeneita’ nella distribuzione dei semi. Inoltre, qualsiasi modo di semina si adotti, sara’ opportuno effettuare due passate incrociate per ottenere anche qui una migliore distribuzione delle sementi sul terreno.

come seminare il prato

Una volta terminata la semina bisogna interrare i semi mediante una passata leggera col rastrello o, se possibile, aggiungendo un sottile strato di terriccio in modo da coprire i semi per difenderli dal sole e dagli uccelli.

Infine occorrera’ procedere ad una buona innaffiatura del prato, da effettuare in modo delicato per non lavare via i semi appena posati.

Dopo di che si dovra’ lasciare il prato ‘tranquillo’ per una quindicina di giorni evitando di calpestarlo.

Quando i fili d’erba avranno raggiunto circa i 10 cm. di altezza si potra’ procedere al primo taglio avendo l’accortezza di passare prima il rullo per compattare il terreno intorno alle radici per evitare che col taglio le piantine vengano strappate. Il taglio si dovra’ fare almeno un giorno dopo la rullatura per dare il tempo ai fili d’erba di riprendere la loro posizione eretta.

tappeto erboso a rulli

Oggi sono molto in uso i rotoli di erba che semplificano e soprattutto accorciano sensibilmente i tempi per ottenere un bel tappeto erboso. Le modalita’ di preparazione del terreno sono esattamente le stesse che per il prato seminato, solo che anziche’ procedere alla semina si stenderanno i rotoli gia’ pronti.

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

Commenti

Manualino © 2014 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

cool hit counter