Pavimentazione Per Esterni, Gli Autobloccanti

21 novembre 2010 - CASA, COSTRUZIONI

PAVIMENTAZIONE PER ESTERNI, GLI AUTOBLOCCANTI sono una soluzione ideale poco invasiva che permette alle acque piovane di essere assorbite senza percolose barriere al deflusso.

pavimentazione autobloccanti

Il cortile, uno spiazzo davanti a casa, una porzione del giardino, qualsiasi spazio intorno alla casa acquista un aspetto piu’ curato se la pavimentazione e’ fatta con gusto.

Usando poi un tocco di estro e di fantasia e’ possibile creare degli scorci e degli angoli caratteristici in grado di impreziosire la vostra casa dandole una connotazione di unicita’ che la fara’ sentire ancora piu’ nostra e speciale.

Un metodo per pavimentare gli esterni puo’ essere quello di impiegare i cosiddetti autobloccanti.

Si tratta di blocchetti di calcestruzzo, che possono avere finitura grezza per dare un tocco rustico all’ambiente, oppure una superficie liscia per attribuire un senso di ordine e di pulizia.

I colori piu’ usuali deli blocchetti autobloccanti sono quelli che vanno dalle tonalita’ del rosso, al grigio, all’antracite, oppure quelli che simulano le venature dei mattoni antichi.

Anche le dimensioni e le forme degli autobloccanti sono le piu’ varie. Si va dal classico mattoncino 200 mm.x 100 mm., al massello col bordo a zig-zag, oppure con incastri tondo-incavo, o ancora i mattoncini a forme poligonali per consentire disegni geometrici che ricordano i cortili di altri tempi. Gli spessori vanno da 40 a 60 mm., ma anche di piu’, a seconda del contesto, della posizione geologica e della tipologia e composizione del terreno.

Sebbene la posa a lisca di pesce sia ritenuta quella piu’ resistente, soprattutto per pavimentazione soggetta al transito di auto, si possono realizzare coperture particolarmente stabili anche con incastri del tipo a parquet, a scalare o per file parallele.

pavimentazione esterni autobloccanti

PREPARARE LA BASE PER PAVIMENTAZIONE PER ESTERNI CON AUTOBLOCCANTI

La preparazione della base della pavimentazione e’ molto importante per dare stabilita’ alla pavimentazione stessa e richiede una cura attenta ed il rispetto delle regole legate alla tipologia del terreno.

  • Per prima cosa occorre togliere erbacce e detriti da tutta l’area
  • poi bisogna scavare nei punti molli riempiendo i buchi con pietrisco frantumato per dare solidita’.
  • Poi si livella tutto bene amalgamando il terreno con un rullo da giardino.
  • Se possibile (e soprattutto se sulla pavimentazione passeranno delle auto) sarebbe preferibile stendere uno strato di almeno 100 mm. di ghiaia da compattare bene.

Un altro importante accorgimento nella preparazione della pavimentazione e’ quello di creare una leggera pendenza in direzione opposta rispetto ai muri della casa. (un gradiente su quaranta, ca. 2,5%) per consentire il drenaggio dell’acqua piovana ed evitare i ristagni.

Per lavorare piu’ agevolmente dovrete aver creato dei bordi all’area da pavimentare, utilizzando eventualmente mattoni o pietre squadrate.

Una volta livellato lo strato di ghiaia, si dovra’ posare un letto di sabbia, tenendo presente che per coprire 10 mq occorre circa una tonnellata di sabbia.

Una volta livellato bene il letto di sabbia, curando che la superficie sia sotto di ca. 50 mm. rispetto al livello finito della pavimentazione se intendete usare autobloccanti di 65 mm. di spessore oppure di 45 mm. se intendete usare autobloccanti di 30 mm. di spessore, si passa alla posa degli autobloccanti iniziando da una estremita’ della superficie della pavimentazione.

Ogni blocchetto deve essere appoggiato vicino a quello successivo, senza lasciare spazi. Nella posa ci si appoggera’ su una tavola posta trasversalmente sui blocchetti gia’ posati. Usare delle tavole anche per consentire il passaggio della cariola carica con i nuovi blocchetti da posare.

Per conferire robustezza al lavoro e’ preferibile usare blocchetti interi, ma puo’ succedere di doverne tagliare alcuni (soprattutto se all’interno dell’area avevamo previsto un tombino o un pozzetto). Per il taglio usare il flessibile della smerigliatrice col disco per tagliare la pietra, facendo ovviamente molta attenzione perche’ maneggiare questo attrezzo non e’ privo di pericoli e occorre seguire attentamente le norme di sicurezza.

Una volta terminata la posa dei blocchetti (che e’ meglio effettuare in varie tranche, soprattutto se la superficie complessiva e’ piuttosto ampia) bisognera’ provvedere a costipare i blocchetti nel letto di sabbia.

L’ideale sarebbe quello di utilizzare un vibratore a piastra con suola di gomma che e’ possibile noleggiare nei centri di bricolage (Castorama, Leroy Merlin, Brico, etc). La macchina infatti stabilizza i blocchetti della pavimentazione e forza la sabbia nei giunti senza danneggiare la superficie degli autobloccanti.

Se il lavoro riguarda invece una piccola superficie si puo’ utilizzare un semplice pestello.

Quando avrete terminato di costipare i blocchetti nella sabbia, versate della sabbia asciutta e fine sulla pavimentazione compatta e con una scopa spargetela in modo che rifinisca il lavoro di compattamento dei blocchetti.

Dopo alcuni mesi e’ opportuno verificare se in alcuni punti si sono verificati piccoli cedimenti, nel qual caso toglierete il blocchetto riposizionandolo dopo aver immesso la quantita’ giusta di altra sabbia.

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

Commenti

Manualino © 2014 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

cool hit counter