Pavimentazione Esterna, Pavimenti In Pietra

13 ottobre 2009 - COSTRUZIONI

PAVIMENTAZIONE ESTERNA – Costruire una pavimentazione esterna in pietra naturale come l’ardesia o usando pietre arenarie o beole e’ un lavoro piacevole che puo’ essere svolto anche a livello di hobbistica.

Se abbiamo una porzione del giardino, magari l’accesso al box o la zona barbercue dove vorremmo evitare di infangarci ogni volta che piove, forse potremmo fare una bella pavimentazione in pietra o in ardesia.

Il lavoro non e’ complicato, ne’ costoso, ne’ richiede particolari attrezzi ed ha per contro una resa notevole sia in termini di impatto estetico sia come risultato pratico.

pavimentazione esterna, pavimenti in pietra

A seconda dell’area interessata e della tipologia dell’immobile potrebbe essere necessario ottenere qualche permesso dal Comune.

Il materiale occorrente sara’:

  • sabbia
  • cemento
  • rete elettrosaldata
  • lastre di pietra
  • una cazzuola, un badile una mazzuola o martello, il frattazzo
  • guanti da lavoro

Dopo aver bagnato opportunamente il terreno, appoggiamo la rete elettrosaldata per terra (se avremo dovuto tagliarla per il trasporto, sara’ sufficiente sovrapporre le parti e fare dei giunti con un pezzo di fil di ferro. Nel fare cio’ dovremo inserire sotto alla rete degli spessori (possono andare bene dei piccoli sassi che la tengano sollevata dal terreno di un paio di cm.

Su di essa faremo una gettata di malta cementizia che avremo preparato con 1/3 di cemento e 2/3 di sabbia con aggiunta di acqua sino a ottenere un impasto non troppo liquido per fare in modo che le pietre possano ‘galleggiare’. Dovremo aver cura di far penetrare bene la malta anche sotto la rete annegandola.

Quindi appoggeremo sulla gettata le pietre che avremo immerso prima in acqua, picchiettandole leggermente col manico di legno del martello.

Sarebbe preferibile procedere un pezzo alla volta, diciamo p.e. 3 mq per volta, lasciando fuoriuscire dal ordo una decina di cm di di rete sulla quale faremo la nuova giunta e cosi’ via.

E’ importante tenere anche conto che sulla pavimentazione finita non sara’ possibile camminare per una decina di giorni. Dovremo aver anche cura di bagnare con un innaffiatoio la pavimentazione ogni due, tre giorni, soprattutto se si e’ in estate (per evitare una repentina asciugatura della malta).

Lasciamo asciugare tutto per tre o quattro ore e poi, quando la malta si sarà un po’indurita, cercheremo di pulire le pietre eventualmente sporcate di cemento.

Questo lavoro lascia molto spazio alla fantasia. Infatti se vorremo fare qualche dsegno sara’ sufficiente scegliere pietre di diversi colori e forme e lasciarsi andare all’immaginazione.

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

Commenti

Manualino © 2014 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

cool hit counter