Le Orchidee, Coltivazione E Cura

11 maggio 2010 - GIARDINAGGIO

LE ORCHIDEE, COLTIVAZIONE E CURA

CARATTERISTICHE GENERALI

  • CLASSIFICAZIONE:
    • Famiglia delle Orchidaceae.
    • Non e’ tecnicamente possibile fare una classificazione che per il numero elevatissimo di specie che ne fanno parte e’ pressocche’ impossibile.
  • DISTRIBUZIONE
    • Le Orchidee risultano presenti un po’ ovunque, anche se sono principalmente originarie dell’area intertropicale caratterizzata da clima umido. Nel nostro Paese sono presenti circa 90 specie spontanee che crescono sia in zonecostiere che montane non eccessivamente soleggiate e non fredde.

Le orchidee coltivazione e cura

CLIMA

Le Orchidee a causa del gran numero di varieta’ hanno anche habitat molto diversi anche se la caratterizzazione che le accomuna quasi tutte e di cui bisogna tenere conto nella coltivazione e cura e’ la capacita’ di trarre l’acqua (o comunque umidita’) dal terreno o dall’aria utilizzando le loro radici aeree (epifite). Vivono quindi agevolmente in ambienti estremi come i licheni ed i muschi dei climi temperati con i quali spesso condividono l’habitat.

La pianta di orchidea e’ composta da uno stelo, generalmente eretto, talvolta tuberizzato (pseudotubero) che funge da ricettacolo per l’acqua e contenitore delle sostanze nutritizie.

Anche le radici hanno capacita’ di ritegno di acqua e sono dotate di tubercoli radicali che danno il nome alla specie e che servono per alimentare i germogli.

Le orchideee sono generalmente allogame cioe’ si impollinano in modo incrociato.

TECNICA DI COLTIVAZIONE

Come detto le differenti esigenze climatiche delle Orchidee variano in base alla diversa origine e sebbene esistano anche specie di Orchidee che non disdegnano il freddo (quelle da terra) in genere si puo’ dire che la maggior parte amio la luce, ma non l’esposizione diretta ai raggi del sole e di certo non amano le correnti d’aria.

Viene suggerito da chi conosce bene le problematiche di coltivazione e cura di queste splendide piante che se nell’angolo di casa dove abbiamo conservato le piantine durante l’inverno queste si sono ben ambientate, forse sarebbe conveniente evitare di portarle fuori casa nel gazebo in giardino dove maggiori potrebbero essere i rischi.

Le Epifite necessitano ovviamente di un’umidita’ dell’aria tale che consenta di raccoglierla attraverso le radici. E’ quindi consigliabile spruzzare o meglio nebulizzare l’acqua sulle radici un paio di volte alla settimana, o anche piu’ spesso soprattutto in estate.

CONCIMAZIONE

Le Orchidee sono piante poco esigenti per quanto attiene agli elementi nutritivi, poiche’ pero’ vivono su substrati neutri e inerti sarebbe opportuno effettuare periodiche concimazioni nebulizzando sulle radici gli elementi nutritivi avendo cura di prevedere una doppia quantita’ di azoto rispetto alla dose di  fosforo e di potassio (da somministrare ogni 2-3 settimane)

RIPRODUZIONE

Come detto le Orchidee si riproducono per allogamia e la moltiplicazione avviene per lo piu’ per propagazione vegetativa cioe’ per divisione.

Nella pratica queste operazioni sono tutt’altro che semplici e operare nel nostro giardino nel tipico fai da te che piace tanto, non sempre risulta premiante.

PARASSITI E MALATTIE

Poiche’ le piante acquistate nei nostri Paesi sono originarie di climi tropicali, difficilmente le orchidee vengono attaccate da parassiti e le piu’ frequenti malattie o fisiopatie sono dovute a problemi di temperatura luce o umidita’.

le orchidee coltivazione

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

Commenti

Manualino © 2014 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

cool hit counter