Immobili Ristrutturati, Finanziaria 2009 Detrazioni

11 agosto 2009 - COSTRUZIONI, LEGGI E NORMATIVE

IMMOBILI RISTRUTTURATI, FINANZIARIA 2009 DETRAZIONI – Per chi acquista un immobile ristrutturato sono previste detrazioni fiscali.

La possibilità era stata introdotta con la Legge 448 del 2001 e successivamente e’ stata prorogata di anno in anno fino al 2006.

La norma non venne pero’ confermata nella Finanziaria del 2007 e fu invece reintrodotta per gli immobili ristrutturati nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2008 e il 31 dicembre 2010 da imprese edili e cooperative edilizie e da queste vendute entro il 30 giugno 2011.  Tecnicamente risultano esclusi gli immobili ristrutturati tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2007.

Con l’approvazione della Legge Finanziaria 2009 avvenuta il 19/12/2008 sono state prorogate al 2011 le agevolazioni fiscali previste nella Legge Finanziaria 2008 in relazione a Interventi di ristrutturazione di immobili e di recupero del patrimonio edlizio.

immobili ristrutturati, finanziaria 2009 detrazioni

Quindi con l’ultima Finanziaria il termine entro il quale è possibile acquistare un immobile ristrutturato e fruirne le relative detrazioni  è stato ulteriormente spostato al 30 giugno 2012.

In sostanza e’ prevista una

  • Detrazione Irpef pari al 36% delle spese di ristrutturazione sostenute dal 2008 al 2011 fino al limite di Eur 48.000 per ciascuna unita’ immobiliare
  • Iva ridotta al 10% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio realizzati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata

La detrazione spetta agli acquirenti o intestatari di immobili facenti parte di fabbricato interamente ristrutturato da Imprese di costruzioni o da cooperative edilizie per lavori eseguiti entro il 31/12/2011

La detrazione IRPEF si applica al 25% del valore di acquisto risultante dall’atto notarile. In sostanza questo 25% puo’ essere considerato come un valore forfettario convenzionalmente attribuito al costo della ristrutturazione, indipendentemente dalla cifra effettivamente spesa per eseguire i lavori.

In ogni caso il tetto massimo entro il quale e’ consentita questa detrazione e’ di Eur 48.000 per ogni unita’ immobiliare.

Inoltre il rogito deve avvenire entro determinati tempi e non e’ sufficiente la sola stipula del compromesso.

Se per la transazione, come in genere avviene, sono stati pagati degli acconti è possibile usufruire per tali acconti alle detrazioni, nell’anno di imposta in cui sono stati versati.

A causa delle ripetute modifiche che la normativa ha subito nel corso degli anni, le modalita’ di richiesta di rimborso sono diverse a seconda della data in cui e’ avvenuta la compravendita.

Per poter usufruire delle detrazioni occorre che:

  • l’acquisto dell’immobile ristrutturato avvenga entro il 30 giugno 2012. (per “immobile” si intende ogni unità immobiliare singole o appartenenti ad un fabbricato)
  • gli interventi di ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo, così come definiti dal Testo Unico dell’edilizia devono riguardare l’intero fabbricato e non la singola unità immobiliare;
  • i lavori devono essere ultimati entro il 31 dicembre 2011;
  • le fatture devono indicare anche il costo della manodopera

immobili ristrutturati, finanziaria 2009

Gli immobili ammessi a beneficiare delle detrazioni sono unicamente quelli ad uso abitativo residenziale con le relative pertinenze (cantine, solai e box) purché queste risultino acquistate con lo stesso atto o comunque contestuali.

Non e’ indispensabile che si tratti di prima casa

Possono usufruire delle detrazioni:

  • proprietario della nuda proprieta’
  • titolare dei diritti d’uso, usufrutto, abitazione
  • assegnatario di immobile a uso abitativo

Da notare che il limite di Eur 48.000 e’ inteso per unita’ immobiliare (Per un immobile con tre proprietari, ognuno ha diritto ad 1/3 di 48.000, mentre una persona puo’ avere diverse proprieta’ e per ciascuna ha diritto a detrazioni per 48.000 Eur)

Il beneficio viene ripartito in 10 rate annuali di pari ammontare (i contribuenti di età superiore a 75 e 80 anni possono invece ripartire la detrazione rispettivamente in 5 e 3 rate annuali a condizione che abbiano compiuto l’età considerata entro il 31 dicembre del periodo di imposta a cui la stessa si riferisce).

Per beneficiare della detrazione è necessario indicare la spesa sostenuta in uno specifico campo della dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico delle persone fisiche).

Per il testo integrale della Legge Finanziaria 2009:

http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/connect/Nsi/Documentazione/Finanziaria/

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

1 Comment

ALESSANDRO
gen 28, 2011 at 18:29

Ho acquistato un immobile ristrutturato da impresa; i lavori sono iniziati nel 2005 e terminati nel 2009. Considerando il “buco” del 2007, ho diritto alla detrazione del 36%?


 
Commenti

Manualino © 2016 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la navigazione e l'esperienza degli utenti oltre che per fornire pubblicità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori info visita la pagina della privacy policy.