I Controsoffitti, Come Realizzare Un Soffitto Ribassato

23 gennaio 2011 - CASA, COSTRUZIONI

Un sistema utile per recuperare spazio nella vostra abitazione puo’ essere quello di sfruttare in senso verticale i volumi di cui eventualmente si dispone con i controsoffitti: vediamo quindi come realizzare un soffitto ribassato.

controsoffitti

Corridoi, ingressi, ripostigli sono spesso inutilizzati in senso verticale e sempre piu’ spesso vengono ripristinati con un soffitto ribassato per ricavare nuovi spazi da adibire a deposito ove poter riporre abiti, scarpe, giocattoli etc., oppure resi abitabili per rendere piu vivibile la casa.

Si puo’ anche decidere di controsoffittare un ingresso o un bagno per conferire maggior raccoglimento e per poter inserire un sistema di illuminazione a faretti conferendogli nel contempo un aspetto estetico piu’ personale e ricercato.

Ovviamente in queste righe stiamo parlando di una casa di proprieta’ perche’ qualora si sia invece in affitto occorrera’ senz’altro chiedere il preventivo parere del proprietario e concordare con lui le modalita’ di riconsegna dell’immobile. Cio’ sia per evitare di avere problemi quando lascerete la casa, sia per non incorrere in pesanti spese per ripristinare l’abitazione nello stato precedente. A questo riguardo basti ricordare che esistono sistemi di controsoffittatura che non richiedendo lavori in muratura risultano facilmente smontabili.

STRUTTURA PORTANTE DEI CONTROSOFFITTI

Ovviamente va subito fatta una precisazione prima di cominciare ogni lavoro, infatti a seconda dello scopo per il quale ci apprestiamo a realizzare un soffitto ribassato, il controsoffitto dovra’ avere una struttura portante piu’ o meno robusta.

E’ facilmente intuibile la differenza se lo scopo e’ sostanzialmente estetico (per nascondere punti luce o faretti o condotti dell’impianto di condizionamento o fili dell’impianto elettrico) oppure se serve per creare un ambiente calpestabile su cui potremmo mettere anche mobili pesanti.

Ovviamente per realizzare controsoffitti di quest’ultimo tipo occorre avere una certa dimestichezza con lavori di edilizia e nozioni in materia di costruzioni altrimenti sarebbe opportuno e consigliabile ricorrere a dei professionisti.

In questa sede ci occuperemo di una soluzione leggera che ha lo scopo di rendere piu’ intima la casa, personalizzandola e al tempo stesso permettere di nascondere impiantistiche di servizio quali tubazioni, cavi, etc.

Quindi utilizzeremo una cornice di listelli che percorre il perimetro della stanza. I listelli vanno fissati alle pareti mediante tasselli ad espansione a vite.

Su questa cornice verranno poi fissati altri listelli trasversali al fine di creare un reticolo su cui verranno fissati i pannelli di truciolato compresso o lastre di cartongesso o ancora pannelli di masonite.

Se la distanza tra le pareti supera i 2 metri sarebbe consigliabile avere un punto di fissaggio verticale che si ottiene utilizzando un tassello ad espansione tipo fisher con vite ad anello a cui verra’ agganciato un cavetto d’acciaio fissato all’altro capo ad un punto di incrocio dei listelli. Per locali fino a 3-3,5 x 3-3,5 mq sara’ sufficiente un sostegno centrale, mentre per ambienti piu’ grandi sara’ bene distribuire i vari punti di sostegno sulla intera superficie del controsoffitto.

REALIZZAZIONE DELLA CONTROSOFFITTATURA

Bisognera’ calcolare che la superficie inferiore del controsoffitto dovra’ presentarsi almeno 4-5 cm sopra gli stipiti delle porte. Una volta quindi si sia deciso l’altezza da terra, si riportera’ tale misura sui quattro lati utilizzando due chiodini per lato che sottenderanno uno spago. Controllare l’orizzontalita’ del telaio nei vari punti.

Per quanto riguarda i listelli, possiamo orientarci su listelli da 4 metri da 2×4 cm. o 2×5 cm. che andranno tagliati in misura. Anche se saremo leggermente scarsi non sara’ il caso di preoccuparsi in quanto poi la struttura del telaio non sara’ visibile. I listelli vanno fissati alle pareti, come detto sopra, mediante tasselli ad espansione che vanno distanziati di circa 30-40cm.

A questo punto si puo’ passare a montare i listelli trasversali. La distanza dei listelli tra loro e’ ovviamente legata al tipo di rivestimento scelto.

controsoffitto struttura portante

Infatti esistono pannelli prefabbricati in materiali plastici che generalmente vengono venduti con appositi ganci invisibili, altrimenti se si intende usare compensati laminati, questi andranno avvitati sui listelli con viti da legno che poi verranno rese invisibili con dello stucco. Tutti questi materiali sono facilmente reperibili nei centri Fai da Te come Brico, Leroy Merlin, Castorama etc. di varie misure per i differenti impieghi.

  • pannelli prefabbricati
  • pannelli in materiale plastico-vinilico
  • pannelli in fiberglass trasparente o smerigliato
  • piastrelle in laminato
  • pannelli di compensato o di legno
  • mattonelle di cartongesso

Ovviamente prima di avvitare i pannelli avremo provveduto a praticare i fori per le luci.

Una alternativa a questo tipo di controsoffitto e’ rappresentata da quelle strutture che vengono utilizzate prevalentemente dagli uffici moderni. Si tratta di soluzioni leggere di facile montaggio e che consentono un facile accesso all’intercapedine per cambiare lampadine, tirare fili elettrici o semplici ispezioni.

controsoffitto leggero

Sono in vendita anche dei kit di montaggio di controsoffittature costituiti da listelli metallici, in genere di alluminio, che vanno incastrati tra loro formando una specie di reticolato di quadrati sopra ai quali vengono appoggiati i pannelli di laminato plastico che possono essere anche alternati con pannelli di plexiglass semitrasparente con funzione di punti luce. Il vantaggio di questa soluzione e’ sicuramente quello della versatilita’ in quanto sono semplici e veloci da montare e smontare a piacimento si adattano facilmente ad ogni planimetria ed hanno una buona resa estetica.

In conclusione il sistema del soffitto ribassato serve a rendere piu’ gradevole, funzionale e personalizzata la vostra casa e si presta a soluzioni che dipendono solo dalla vostra fantasia.

Un modo intelligente di utilizzare un controsoffitto parziale in un bagno (per intenderci, per esempio ribassato solo nella parte sopra la vasca da bagno), o sopra l’ingresso dell’appartamento potrebbe essere quello di ricavare una sorta di armadietto a soffitto applicando un’antina alla parete verticale del controsoffitto.

Un altro modo di utilizzare i controsoffitti puo’ essere quello di creare dei movimenti con moduli non necessariamente lineari, ma anche con volute e curve come nel bagno dell’immagine qui sotto dove le luci e l’impianto elettrico e di condizionamento sono camuffati dai controsoffitti. Qui bisogna ammettere che e’ un po’ piu’ laborioso, ma l’effetto finale e’ stupefacente.

controsoffitti in bagno

Ma le soluzioni sono praticamente infinite, simpatiche e quasi sempre poco dispendiose rispetto al grande effetto che producono.

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

4 Comments


[...] la casa sono le scelte architettoniche, le fantasie stilistiche, le innovazioni nelle volte, i controsoffitti, le semipareti, tutte variabili frutto della fantasia del proprietario (o, per chi ne e’ a [...]


 
Piero
gen 12, 2014 at 19:32

Salve
Arrivo subito al dunque
Devo realizzare un controsoffitto
Quale materiale posso usare?
Il cartongesso (verde) non mi convince visto
Che lo devo realizzare in un bagno di 1,30 x 4,90
Grazie


 
davide
gen 7, 2015 at 20:13

buonasera vorrei un suggerimento …ho una stanza con il cartongesso e vorrei buttarla giu per crearci un soffitto per un ripostiglio di vario genere per metterci su oggetti sia pesanti che leggeri e chiderla con il cartongesso a faccia vista e una scala a forbice come devo fare nel minor prezzo possibile,grazie…..


 
Costo Posa Cartongesso
lug 12, 2016 at 12:55

Non solo una parete di cartongesso è facile da installare, ma in più può essere posizionata ovunque e può anche facilmente incorporare materiale isolante (termico e/o acustico). Ma posso dire che non è per tutti, occorre una dimestichezza con i materiali e sopratutto saperli sceglierli e adattarli a varie tipologie. Io mi sono affidato ad un esperto che mi ha fatto un ottimo lavoro e ad un prezzo onesto, l’ho scelto su questo portale
http://blog.edilnet.it/parete-cartongesso/


 
Commenti

Manualino © 2016 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la navigazione e l'esperienza degli utenti oltre che per fornire pubblicità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori info visita la pagina della privacy policy.