Dipingere Casa, Colori Sicuri Per La Casa

30 luglio 2014 - AMBIENTE ED ENERGIA, CASA

PRODOTTI SICURI, VERNICI SICURE

Ormai siamo tutti abbastanza sensibilizzati sull’importanza dell’aspetto sicurezza per i prodotti che consumiamo e di cui ci serviamo per la cura personale. Ci preoccupiamo della qualita’ dell’aria nelle nostre citta’, dell’inquinamento atmosferico, dello smog nonche’ dell’inquinamento del suolo, ma spesso non abbiamo la stessa percezione dei potenziali rischi  presenti all’interno delle nostre case.

colori sicuri

Si tratta di rischi connessi ai materiali usati nella costruzione, ai materiali usati per la realizzazione dei mobili e degli arredi, ma anche di rischi dovuti alla possibile presenza di radon o anche alla contaminazione derivante dall’impiego per la tinteggiatura delle pareti di casa e dei mobili di additivi e coloranti nocivi. Questi prodotti possono rilasciare per anni particelle volatili altamente pericolose per la nostra salute. Se pensiamo che ormai la casa, vuoi per effetto della maggiore nec essita’ di privacy, vuoi per la sempre maggiore ostilita’ del mondo esterno, e’ diventata sempre piu’ una sorta di rifugio ermetico, sigillato e protetto dove pero’, proprio per queste caratteristiche, unite al fatto che vi trascorriamo la maggior parte del nostro tempo, il rischio di contaminazione e’ amplificato in modo esponenziale.

Quando andiamo ad effettuare lavori in casa, sia quando ci rivolgiamo ad aziende specializzate, ma soprattutto quando ci dedichiamo alla nostra passione per il fai-da-te o bricolage che dir si voglia, dobbiamo prestare molta attenzione ai prodotti che vengono utilizzati. Per poter valutare la tossicita’, anche nel tempo, dei prodotti che andiamo ad utilizzare, e’ necessario conoscerli. Per questo motivo vogliamo proporre ai nostri lettori, ovviamente senza la presunzione di essere totalmente esaurienti, un riepilogo delle principali caratteristiche che i vari prodotti hanno, al fine di aiutare tutti ad una scelta piu’ consapevole evitando di metterci in casa inutili pericoli. E’ importante tenere presente queste argomentazioni quando per esempio ci accingiamo a dipingere la cameretta dei bambini o dobbiamo scegliere i colori per le pareti di casa.

dipingere casa

COME SCEGLIERE I COLORI

Recentemente un organismo americano, l’EPA (Environmental Protection Agency) ha diramato un’informativa in base alla quale, secondo studi e rilevazioni effettuate, la concentrazione di VOC (composti organici volatili) nelle abitazioni sarebbe superiore di dieci volte a quella rilevabile all’esterno. Un monito del quale sara’ bene tenere conto se abbiamo a cuore la nostra salute.

Parlando di pitturare o dipingere casa (in veste di imbianchini e non certamente di pittori!) ci troviamo inoltre a dover fare i conti con un mare di termini che, sebbene da una parte consentono di definire meglio i processi ed i materiali, talvolta possono generare un po’ di confusione.

Poiche’ la prima arma a nostra disposizione e’ rappresentata dalla conoscenza, cerchiamo in questa sede di approfondire un pochino questo argomento in modo da procedere a fare acquisti in modo piu’ consapevole e ponderato.

Vediamo quindi, sia pure in modo sintetico, alcuni di questi termini frequentemente usati:

  • BRILLANTEZZA Si tratta di un’impressione visiva che e’ il risultato della riflessione della luce incidente sulla superficie di un film di prodotto essiccato
  • COLORE. Potremmo definirlo come una impressione sensoriale, una sensazione visiva che viene percepita dal nostro occhio. La luce colpisce un oggetto e viene in parte assorbita, la parte non assorbita viene riflessa e viene percepita dai recettori cromatici all’interno dell’occhio, i quali trasmettono al cervello degli impulsi che vengono da questo interpretati. Si tratta di un’emissione che viene percepita in modo diverso da individuo a individuo e puo’ essere inoltre influenzata da diversi altri fattori come lo stato d’animo, il contesto, le condizioni ambientali etc.
  • COLORI. La maggior parte dei colori usati per dipingere derivano da prodotti minerali inorganici e da vegetali e vengono preparati artificialmente. Diversi pigmenti vengono ottenuti attraverso processi di sintesi, come per esempio avviene per il bianco di meudon, la terra di Siena, il bianco di barite, le ocre gialle e quelle rosse, il nero di spagna, l’azzurro rame, il giallo di napoli, etc. Mentre altri vengono ottenuti attraverso il trattamento di prodotti organici naturali come la curcuma, lo zafferano, il nero fumo, il bistro, il querciolo, il rocù, la robbia.
    • Rompere un colore – Con questa espressione si intende dire che si modifica leggermente ma bruscamente la tinta originaria, come si fa con mescolando una punta di rosso nel verde, cioe’ andiamo a rompere creando una tonalita’ leggermente differente.
  • DENSITA’. E’ la consistenza di una tinta. Rapporto di una quantità di peso in un’unita’ di volume.
  • EFFETTO. E’ il risultato finale che deriva dall’applicazione di tecniche, accostamenti, ornamenti o composizioni che producono, a lavoro ultimato, una serie di effetti desiderati dall’autore e che hanno denominazioni differenti a seconda del risultato ottenuto. Si possono cosi’ avere innumerevoli risultati estetici o visivi, che possono essere:
    • Effetto Fiori di Ghiaccio- Una volta essiccata la superficie mostra un disegno cristallino dovuto all’affioramento di cristalli per raggrinzimento.
    • effetto a Buccia d’Arancia- Il film sulla superficie ad essiccamento avvenuto si presenta granuloso come la buccia di un’arancia. E’ un effetto che si ottiene utilizzan do uno speciale rullo avente cavita’ a forma irregolare che producono questo tipo di effetto.
    • Effetto Dilavato- E’ un effetto ottenuto mediante una passata ‘dilavante’ a lavoro ultimato con pittura molto diluita. Il risultato e’ una tinta un po’ tenue e languida.
    • Effetto Floreale- Si tratta di una decorazione pittorica eseguita per arricchire determinati ambienti di un certo pregio, con foglie, festoni e frutta, in ghirlande o mazzi di fiori e spighe.
    • Effetto a Formelle- Decorazione molto in auge nel secolo scorso e in tutto il Rinascimento, costituito da decorazioni in gesso contornate da una sorta di cornice, a soffitto o a parete.
    • Effetto Logo o Fregio- Come il precedente ma con la riproduzione di un emblema o un fregio o il logo della casata.
    • Effetto Martellato o Bugnato- Effetto ottenuto mediante picchiettatura praticata prima dell’essiccatura definitiva.
    • Effetto Metallizzato- Si ottiene aggiungendo alla pittura pigmenti di alluminio o rame o altro metallo. Una sua variante si ottiene aggiungendo minuscole scaglie di metallo che affiorano sulla superficie.
    • Effetto Policromo- E’ un effetto che si ottiene applicando contemporaneamente pitture, non miscelabili tra loro, di diverso colore.
    • Effetto Raggrinzito o Screpolato- E’ un effetto anticato che si ottiene aggiungendo un prodotto astringente che in fase di essiccatura produce il ravvicinamento delle molecole di pittura.
    • Effetto Satinato. La superficie assume un aspetto opacizzato.
  • IDROPITTURA Si tratta di pittura in cui viene utilizzato come legante un prodotto che rende il componente diluibile in acqua.
  • IDROREPELLENTE. Si tratta di una pittura in cui viene aggiunto un additivo impermeabilizzante.
  • ISOLANTE. Si tratta di una mano di fondo che serve ad impedire la migrazione dei componenti dal supporto agli strati superiori e viceversa dando stabilita’ alla pittura.
  • LEGANTE. Componente atto a favorire la coesione dei vari prodotti.
  • MANO DI FINITURA. Si tratta di una sola passata su un supporto gia’ pitturato.
  • PANTONE. Si tratta di uno standard universalmente riconosciuto per identificare i vari colori.
  • PIGMENTO. E’ il componente che attribuisce la colorazione al veicolo. Puo’ essere di origine organica o inorganica ed ha la caratteristica di essere insolubile per poter avere effetto coprente.
  • PITTURA. Genericamente si definisce pittura l’apporto di colore su una superficie.
  • PRIMER. E’ il termine inglese ormai in uso per definire la prima mano o mano di fondo.
  • PLASTIFICANTE. E’ un prodotto utilizzato per attribuire alla pittura caratteristiche di elasticita’ ed impermeabilizzazione alla vernice.
  • RESINA. Termine col quale si indica la sostanza organica o sintetica, di elevato peso molecolare avente funzione filmogena.
    • Resina Acrilica- E’ un polimero acrilico o metacrilico che puo’ essere solubile in solvente o idrosolubile in acqua.
  • TINTA. Per tinta si intende sia il colore naturale delle varie sostanze coloranti, sia il colore ottenibile dalla loro combinazione. Nel gergo popolare viene comunemente usato questo termine per indicare la pittura ad acqua usata per dipingere le pareti interne delle case.
    • La gradazione di una tinta- Si ottiene andando ad aggiungere una piccola quantita’ di un colore diverso ad un dato colore, modificandolo leggermente e creando una sfumatura.
    • Tinte fredde e tinte calde – Per tinta fredda generalmente si definisce un colore leggermente piu’ spento, tendente cioe’ all’azzurro o al grigio. Per tinta calda invece si intende un colore piu’ acceso, orientato un po’ di piu’ verso rosso, arancione o giallo. Per dare un’idea, un verde che tende all’azzurro e’ una tinta fredda, mentre se tende al giallo e’ chiaramente una tinta calda.
    • Le mezzetinte- Un oggetto illuminato è costituito da parti chiare e scure . Fra le une e le altre noi abbiamo delle gradazioni di tinta e di tono : queste sono le mezzetinte .
    • Smorzare una tinta- Con questa espressione si intende rendere la tonalita’ di una tinta meno accesa mediante l’aggiunta di un colore neutro.
  • SMALTO. E’ un termine comunemente usato per distinguere una prodotto, normalmente a base oleosa e con lunghi tempi di asciugatura (oltre le 12 ore) da quella che in genere viene indicata come tinta.
  • SOLVENTE. Prodotto che viene aggiunto alla vernice per renderla piu’ o meno fluida
  • TINTEGGIATURA. Termine che indica l’aggiunta di tinta base a un prodotto bianco per ottenere il colore desiderato.
  • TONO. Con questo termine si intende l’intensità luminosa di un colore, cioe’ la sfumatura di un colore piu’ o meno scura o chiara.
    • Gradazione del Tono- Aggiungendo a qualsiasi pittura il bianco o il nero otteniamo delle gradazioni della tonalita di quel colore.
  • VALORE. Sinonimo di Tono. E’ la gradazione di una tinta.

Quando ci accingiamo ad acquistare i prodotti che ci occorrono per dipingere casa, al fine di seguire criteri idonei a salvaguardarci dagli effetti nocivi di determinate vernici, non serve a molto verificare sulla confezione il contenuto VOC, in quanto questo accorgimento in realta’ non ci porrebbe al riparo dai rischi perche’, come abbiamo detto, i criteri che hanno ispirato la normativa Epa sui Voc sono improntati all’effetto che i composti organici volatili hanno sull’inquinamento ambientale e non tengono conto della loro tossicita’ in ambito domestico.

Infatti queste vernici, pur essendo definite a zero Voc o comunque a basso contenuto Voc, potrebbero tuttavia contenere altri prodotti altamente tossici come la formaldeide (noto e pericoloso prodotto conservante ampiamente usato nell’industria alimentare e non) o eteri glicolici potenzialmente irritanti per le mucose.

colori sicuri per la casa

PRODOTTI SICURI PER LA CASA

Come possiamo tutelarci?

Nonostante quanto appena detto, nell’intento di evitare di convivere a contatto con prodotti nocivi, scegliamo comunque prodotti a basso contenuto VOC, ma soprattutto preferiamo vernici naturali, vernici all’acqua e in ultima analisi possiamo dire che, dato che i pigmenti determinano il colore, che i pigmenti contengono Voc, ne consegue che ad un maggior numero di pigmenti corrisponde un maggior quantitativo di Voc, pertanto nel limite del possibile preferiamo tinte non troppo forti che richiedendo meno colorante.

Per i piu’ virtuosi esistono poi i colori naturali.

Infine per i veri amanti dell’ambiente, che non vogliono proprio correre rischi, si apre un panorama inesplorato, quello dei colori fai da te a base di latte, olio di agrumi, olio di lino e cosi’ via. Ma di questo argomento interessante parleremo in un altro articolo.

Ti e' piaciuto questo articolo?
"Iscriviti anche te!
E' gratis!"
Ricevi le nostre migliori guide, le ultime novita' e sarai tra i primi ad avere notizie appena uscira' il nostro E-Book sul fai-da-te!



Rispettiamo sempre la tua privacy.

Articoli simili

Commenti

Manualino © 2016 - Privacy Policy
Template ottimizzato e basato su Desk Mess Mirrored di BuyNowShop.com.

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la navigazione e l'esperienza degli utenti oltre che per fornire pubblicità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori info visita la pagina della privacy policy.